Lettura e oltre

LETTURA E OLTRE: ASPETTANDO EVA CANTARELLA

 

COMUNICAZIONE N° 1 DEL 17/03/16

Alle/Ai Docenti dei Licei ‘Lanza’- ‘Perugini’
AL Dipartimento di Latino e greco
Alle/Ai Coordinatori di classe
Alle/Agli Alunne/i
Al DSGA
Al Personale ATA

 Oggetto:LETTURA E OLTRE : Aspettando Eva Cantarella:
EVA CANTARELLA,  ‘NON SEI PIU’ MIO PADRE’, Feltrinelli 2015
Aula magna Liceo classico ‘Lanza’ ,venerdì 29/04/16, h.11.00
Un incontro molto atteso, specialmente dal Dipartimento di Latino e Greco , l’incontro con la notissima studiosa dell’antico Eva Cantarella di cui , di seguito, vi allego una breve biografia:
Figlia del grecista e bizantinista siciliano Raffaele Cantarella, compie i suoi studi presso il Liceo Classico Cesare Beccaria di Milano. Nel 1960 si laurea all’Università di Milano e completa la sua formazione presso Università straniere (Berkeley, Heidelberg). Allieva del giurista Giovanni Pugliese, ha svolto attività accademica presso le Università di Camerino, Parma e Pavia oltreché all’Università del Texas a Austin e di quella di New York, della quale è stata visiting professor.Ha pubblicato saggi sul diritto e su aspetti sociali del mondo greco e romano. Dal 1990 al 2010 è stata professore ordinario di istituzioni di diritto romano e di diritto greco antico all’Università statale di Milano. Attualmente è stata collocata a riposo per raggiunti limiti di età, a partire dal 1º novembre 2010. Il 2 luglio 2002 è stata nominata “Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana”, “motu proprio” del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
Un incontro a cui sto lavorando da molto tempo e non facile da realizzare, tanto più perché si svolgerà esclusivamente nel nostro Liceo ‘Lanza’ , con poche tappe in Puglia:
EVA CANTARELLA,  ‘NON SEI PIU’ MIO PADRE’ EVA CANTARELLA,  ‘NON SEI PIU’ MIO PADRE’, Feltrinelli 2015, E.14.00
Aula magna Liceo classico ‘Lanza’ ,venerdì 29/04/16, h.11.00
Vi allego una breve sinossi del libro ‘Non sei più mio padre’, Feltrinelli 2015,
E.14.00
A fronte della crisi del concetto stesso di famiglia e di atroci episodi di cronaca che hanno scosso i parametri del rapporto genitori-figli, Eva Cantarella è venuta interrogandosi – forte dei suoi strumenti di studiosa del diritto e della cultura antica – sulla storia di quel rapporto che, insieme alla dinamica degli affetti, porta inevitabilmente con sé tensioni, conflitti, e molto spesso violenza. Questa conflittualità sembra legata alla sola modernità, ma affonda le sue radici lontano: nei miti teogonici, nella famiglia patriarcale, nelle storie, spesso sanguinose, che la letteratura testimonia con straordinaria evidenza; nella mitologia, nei poemi omerici e nella tragedia classica, dove il tema della famiglia diventa il teatro pieno d’ombre della ferocia, della vendetta, della ribellione. Un teatro che, se a tutta prima parrebbe non implicare uno scontro generazionale, in realtà lo contiene, lo nutre, lo agita. Ecco allora che il conflitto, così presente nell’attuale agenda politica, si lascia leggere anche alle origini della nostra civiltà là dove i giovani entrano in rotta di collisione con la gerontocrazia. Secondo modalità e procedure che la lettura del mondo antico porta progressivamente alla luce.
Una volta di più Eva Cantarella si rivela affascinante evocatrice di personaggi e di storie, da Crono, signore dei Titani, divoratore dei suoi stessi figli, a Teseo, il parricida che uccide il proprio figlio, da Telemaco l’obbediente a Ettore il saggio, sia come padre sia come figlio, dai ribelli Antigone e Oreste a Medea, madre assassina
.
 Un incontro così prestigioso ha bisogno per la sua realizzazione di una perfetta organizzazione , in quanto l’autrice stessa, che per la sua partecipazione non richiede alcun compenso, ha fatto più volte riferimento al fatto che in un ‘liceo classico’ si aspetta alunni preparati dai loro insegnanti, che abbiano letto il suo testo e che  siano vogliosi di fare interventi; a sua volta la casa editrice Feltrinelli , chiede , come condizione dell’incontro , un ‘ritorno’ in termini di vendite del libro.
Propongo, pertanto, alle/ai colleghi di Latino e greco e agli alunni/e di voler acquistare , prima della pausa pasquale, il libro di Eva Cantarella , presso la Libreria Ubik, partner dell’evento, che praticherà a quanti diranno alla cassa di appartenere al Liceo classico ‘Lanza’ , lo sconto del 10 /
Vi allego il programma della giornata con Eva Cantarella:
Assessorati  alla Cultura                              Liceo Classico ‘V.Lanza’   Università degli Studi
e alla Pubblica Istruzione                                  Foggia                        Foggia
Comune di Foggia               
Fondazione Banca del Monte
Foggia                   
              
                               Il Liceo Classico ‘Lanza’            e                 La Libreria Ubik di Foggia
                                                                           presentano  

EVA CANTARELLA
Presentazione del libro
                                                      NON SEI PIU’ MIO PADRE
Il conflitto tra genitori e figli nel mondo antico
Venerdì 29 aprile 2016
Aula Magna ‘L. Scillitani’ Liceo classico ‘V. Lanza’ di  Foggia
  h. 11,00: Saluti:
Dott.ssa Anna Paola Giuliani  (Assessore alla Cultura Comune di   Foggia)
Prof. Giovanni Cipriani ( Prorettore Università degli Studi  di Foggia)
Prof. Saverio Russo(Presidente Fondazione Banca del Monte )
Prof. Antonio d’Itollo (Dirigente Ufficio Scolastico Provinciale)
Prof. Giuseppe Trecca (Dirigente Scolastico Liceo Classico “V.Lanza”- Liceo
Artistico” Perugini”)
                          EVA CANTARELLA
presenta la sua opera
Conduce : Mariolina Cicerale (Docente Liceo classico ‘V. Lanza’’)

L’iniziativa è una proposta culturale per la città
Dott. Franco Landella
Sindaco Comune di Foggia
Prof. Giuseppe Trecca
Dirigente Scolastico Liceo Classico ‘V.Lanza” –Liceo Artistico Perugini

P.S. : gli ‘Incontri extravaganti’ non sono dedicati solo ai lettori, ma a quanti sono
appassionati di vita
(’Per saper leggere bisogna saper vivere’ – Guy Debord )
L’iniziativa è una proposta culturale per la città.
                                                          Cordiali saluti
Mariolina Cicerale
(Responsabile Iniziative culturali del Liceo)